domenica 14 aprile 2013

I gentilissimi




Il romanzo Vita di Alberto Pisani di Carlo Alberto Pisani Dossi (ma non è un’autobiografia, come il lettore sprovveduto potrebbe ritenere) non segue una linearità cronologica progressiva, del resto Dossi ammirava molto Sterne. Inizia col Capitolo quarto, prosegue col Capitolo primo, col Capitolo secondo, Capitolo terzo, Capitolo quinto, dopodiché c'è la sequenza regolare dei capitoli sesto, settimo, ottavo, nono, decimo, undecimo, duodecimo, decimoterzo, decimoquarto, decimoquinto. Insomma c'è la famosa prolessi del Capitolo quarto, spostato in esordio. - sdf

*

Fu la mirabile Beatrice, vera? e tutta vera? oppure Dante, dalla sua unicità condannato a non trovar altri, se la plasmò o compì nell’alta fantasìa, poi illuso gioì e sofferse, dell’ombra sua?... Ma, chèh! Dante a parte; quantunque da ognuno si dica che Amore ci è, chi veramente il travide? – In questa folla che passa, mai non cessando, e si traùrta come i pajoli, tingèndosi anche, i più, cioè il marame, crèdono amore, cose che non ponno avere altri nomi; i gentilissimi, e pochi, sospirano inutilmente il loro secondo ed ultimo tomo.

Carlo Dossi, dal Capitolo quarto di Vita di Alberto Pisani

Nessun commento:

Posta un commento


È in funzione una moderazione dei commenti.
È necessario firmarli con nome e cognome.