lunedì 15 ottobre 2012

Σωτήρ, θεῖος, divus




Thomas Couture, I Romani della decadenza, Parigi, Musée d'Orsay, 1847


Quando si differenzia l’età cesariana da quella augustea, pur nella discontinuità talvolta radicale e nonostante le analogie rappresentate dal periodo tradizionalmente considerato “classico”, si va contro l’interpretazione che i romani elaborarono della propria storia.
Nell’età di Augusto, o saeculum Augustum, dovrebbero essere inclusi anche, tra gli altri, Valerio Catone (95-30), Licinio Calvo (82-47), Varrone Atacino (82-35), Catullo (87-54 a.C.), Lucrezio (96-54 a.C.), Cicerone (106-43 a.C.), Terenzio Varrone (116-27 a.C.), Pomponio Attico (109-32 a.C.), Cornelio Nepote (100-25 a.C.), lo stesso Cesare (100-44 a.C.), Sallustio (86-35 a.C.). Essendo nato il 23 settembre del 63 a.C., morto il 19 agosto del 14 d.C., si assumono queste date quali inizio e fine del saeculum in questione, avendo Ottaviano influenzato retrospettivamente la fortuna della letteratura latina precedente a Virgilio a partire almeno da Lutazio Catulo ed escludendo forse giusto l’età dei Gracchi e di Silla e, naturalmente, tutto il periodo arcaico peraltro caratterizzato dal mos maiorum, motivo centrale della propaganda di regime, benché l’età di Cesare fosse ispirata alla tolleranza piuttosto che al controllo della cultura. La proposta è del resto attestata in Svetonio: alius, ut omne tempus a primo die natali ad exitum eius saeculum Augustum appellaretur et ita in fastos referretur (Divus Augustus, C). Questo significa che il titolo di Augustus, conferitogli dal senato il 16 gennaio del 27, sta a sottolineare l’identità sacrale, ellenistico-orientale del nuovo σωτήρ – cosa affatto insolita per la mentalità romana, - veramente θεῖος nell’antico senso omerico che Livio Andronico si sarebbe ben guardato dal tradurre altrimenti che con adprimus ma che ormai Svetonio (70-140 d.C.), che inizia a scrivere sotto Traiano, protetto da Plinio il Giovane e che fa da segretario a Adriano, non si fa scrupolo a percepire come divus.













Nessun commento:

Posta un commento


È in funzione una moderazione dei commenti.
È necessario firmarli con nome e cognome.