lunedì 9 maggio 2011

Pasolini/Casertavecchia


Io abito, sembrerebbe, a Caserta ma sono uno scrittore astro-ungarico, cosmopolitico e trovo che la categoria "scrittori casertani" non ha senso alcuno. A parte il fatto che la parola "scrittore" è impegnativa, non riconosco scrittori "casertani" nell'accezione TQ. Pasolini lasciatelo stare, per favore; girò qualche scena del Decameron a Casertavecchia, ma non c'entra nulla con questi associazionismi fantasiosi e posticci.
Sandro De Fazi

Nessun commento:

Posta un commento


È in funzione una moderazione dei commenti.
È necessario firmarli con nome e cognome.